Campagna" Rifiutiamoci": domani a Colleferro


Venerdì 27 giugno Assemblea Pubblica a piazza Gobetti 
per fermare incendi e diossine
Le associazioni e i cittadini, promotori della campagna Rifiutiamoci, incontrano la cittadinanza di Colleferro per illustrare i motivi dell'opposizione all'impianto TMB.

La campagna “Rifiutiamoci” continua con volantinaggi, azioni ed appuntamenti cittadini.
Una campagna di mobilitazione che nasce principalmente per chiedere il fermo del progetto di Trattamento Meccanico Biologico (TMB) che la Regione Lazio e il Comune di Colleferro intendono realizzare nei pressi della discarica.
Le associazioni e cittadini della zona che la promuovono intendono proseguire con una serie di appuntamenti pubblici e momenti  d'incontro con la cittadinanza, al fine di ribadire quanto sia dannoso avallare questo impianto di trattamento dei rifiuti.
Il progetto TMB viene presentato dalle istituzioni come la soluzione al problema dei rifiuti ma rappresenta  la condanna di tutto il territorio della Valle del Sacco perché è sostanzialmente volto alla produzione di Combustibile per gli inceneritori (CDR) e di Frazione Organica Stabilizzata (FOS), pertanto se verrà realizzato consentirà di tenere attivi questi impianti.
Impianti palesemente al collasso che non portano alcun beneficio ma solo diossine e gravi patologie.

Venerdì 27 giugno assemblea pubblica a Colleferro ore 18

L'incendio del 11 giugno nella discarica di Colle Fagiolara, ci ricorda quanto sia pericoloso e ormai antiquato il nostro sistema di smaltimento dei rifiuti e quanto sia inaccettabile mantenerlo in piedi.
Gli incendi estivi all'interno di questi impianti sembrano esser diventati una ricorrenza che ogni anno si ripete e che ci fa inalare fumi e sostanze tossiche.
Venerdì 27 giugno, ore 18  a piazza Gobetti i promotori della campagna Rifiutiamoci illustreranno dettagliatamente i contenuti della vertenza, informando e divulgando i motivi dell'opposizione all'impianto TMB e verrà ascoltata la voce della cittadinanza.

comments powered by Disqus

Back to Top